Pc On
 
  Home    Forum    Download    Test ADSL    Login            Mio Flickr  
Utenti connessi12  01-08-2021  
    Menù
 Home

 News
 Archivio
 Cerca

 Guide
 Trucchi
 Windows Xp

 Risorse
 Forums
 Downloads
 Glossario
 Produttori HW
 Test ADSL
 Port Scanner
 Anti Virus
 Traduttore
 User Agent

 Info
 Contattaci
 Passa Parola
 Statistiche

    Cerca con:
Google
WebPc On

    Chi è Online

   Visitatori 12 Visitatori
   Utenti 0 Utenti

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

    Siti amici
Roms Planet

    Segnalato da:
Segnala il tuo sito su GoldenWeb
WinTricks.it WebRing
Sito segnalato da Freeonline.it - La guida alle risorse gratuite

  Windows 10 Home, aggiornamenti automatici obbligatori nella licenza d'uso
Microsoft
La licenza di Windows 10 obbliga ad abilitare gli aggiornamenti automatici, e poi nel sistema operativo non ci sono strumenti per disabilitarli. Una novità che riguarda solo l'utente privato ma non le utenze professionali e le aziende. Un'ottima idea in teoria, ma che nasconde molti rischi.

 Pare che gli aggiornamenti automatici saranno obbligatori con Windows 10. Lo spiega Ina Fried su Re-code, in un articolo che afferma come questa condizione andrà accettata in fase d'installazione. In altre parole, durante l'installazione di Windows 10 bisognerà attivare gli aggiornamenti automatici, e poi non ci sarà modo di disabilitarli. Se si rifiuta l'installazione non parte, o almeno questo è quanto traspare ora.

La giornalista ha chiesto conferma alla stessa Microsoft, i cui rappresentanti hanno risposto che "i termini di licenza di Windows 10 richiedono che gli aggiornamenti automatici siano abilitati per mantenere al sicurezza dei nostri clienti e fornire Windows come servizio". Saranno esentati le aziende, le utenze business e in generale chi usa una licenza Pro o Enterprise, che avranno tempo di testare gli aggiornamenti prima di installarli.

Si tratta di un cambiamento profondo nelle politiche di Microsoft, visto che fino a Windows 8.1 abbiamo avuto la possibilità di disabilitare completamente gli aggiornamenti automatici, o di selezionare manualmente quali installare. Con Windows 10 invece non avremo più tale opzione, il che è coerente con la visione che ha Microsoft del sistema operativo; Windows 10 si arricchirà di nuove funzioni e correzioni in modo continuativo, e sarà l'ultima major release del sistema operativo Microsoft.

Se la strategia di Microsoft risulta chiara e relativamente facile da capire, è altrettanto semplice intuire che a molti questa mossa non piacerà. Tantissime persone vogliono avere controllo sul proprio sistema, e preferiscono scegliere quali aggiornamenti installare, magari evitando quelli che contengono errori di qualche tipo.

Se ne è parlato per esempio su Reddit, dove qualcuno consiglia di filtrare i server Microsoft tramite un firewall, e sbloccarli solo quando si è disposti a installare gli aggiornamenti, o modificare il file hosts. Sarebbe una soluzione solo parziale, visto che è un filtro "tutto o niente" che non permette di selezionare quali aggiornamenti installare e quali tralasciare.

In ogni caso non è ancora il momento di farsi prendere dal panico, per diverse ragioni. Prima di tutto Microsoft potrebbe cambiare idea o fornire ulteriori dettagli nelle prossime settimane; dopodiché nessuno ci obbliga a installare Windows 10 fino a che la situazione non è del tutto chiarita. E senz'altro qualcuno troverà una soluzione alternativa.

A molti non piacerà, ma almeno in teoria è una buona idea. Ammesso e non concesso che gli aggiornamenti siano ben testati, è solo un bene se tutti gli utenti li ricevono, senza possibilità di disabilitarli magari per errore. Se il sistema resta più sicuro è un vantaggio per tutti, non solo per la persona che lo usa. Il malumore del pubblico comunque non è l'unico potenziale effetto collaterale.

Purtroppo, infatti, è sempre possibile che Microsoft pubblichi un aggiornamento con un bug, e questo in effetti potrebbe essere un bel problema. Anzi è il problema principale; chi sta testando Windows 10 ha già avuto modo di verificare come l'aggiornamento automatico spesso compromette il funzionamento di questo o quel driver.

Secondo me Microsoft deve (doveva) risolvere questi problemi prima di pubblicare la RTM. Perché altrimenti si finisce dalla padella nella brace: hanno fatto un buon lavoro con Win10, o almeno così pare, ma se al primo aggiornamento il microfono non funziona o un videogioco non si avvia più, allora la gente (ri)comincerà a dire che Windows è una porcheria. E a quel punto non so se ci sarà modo di recuperare.

Fonte: Toms Hardware
Postato da: Sertek il Domenica, 19 luglio 15 ore 10,07

 Precedente Successiva  
Lenovo ideacentre Stick 300, un micro PC Windows 10 da taschinoE' già il tempo di un aggiornamento (misterioso) per Windows 10

 
    Links Correlati
· Inoltre Microsoft
· News by Sertek


Articolo più letto relativo a Microsoft:
Integrare SP3 in Windows XP con AutoStreamer


    Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


    Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Windows 10 Home, aggiornamenti automatici obbligatori nella licenza d'uso" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati